Google e dati personali: come fare pulizia

Diciamo le cose come stanno: Google raccoglie una quantità sbalorditiva di informazioni personali sui suoi utenti, forse anche più di quanto tu possa immaginare. Inoltre, ricorda ogni ricerca che esegui e ogni video di YouTube che guardi. Che tu abbia un iPhone o un telefono Android, Google Maps registra ovunque tu vada, il percorso che segui per arrivarci, quando arrivi e a che ora parti, anche se non apri mai l’app. Il giorno in cui decidi di controllare quanto Google sappia effettivamente di te, la sorpresa potrebbe atterrirti. Per fortuna però, ci sono alcune operazioni da fare per provare a proteggerti. Ecco come porre un limite ai risultati del binomio: Google e dati personali.

Photo Credits: TuttoAndroid

Mentre una serie di perdite di dati e violazioni della privacy continuano a indebolire la fiducia del pubblico nelle grandi aziende tecnologiche, Google ha risposto creando un hub per la privacy che consente di accedere, eliminare e limitare i dati raccolti da Google. La navigazione in tutte le varie impostazioni può tuttavia creare confusione e non è sempre chiaro sulle ristrettezze che stai imponendo.

Quel che è peggio, ogni volta che apporti una modifica che limiti di quanto o per quanto tempo Google ti rintraccia, Google stesso avverte che i suoi servizi non funzioneranno altrettanto bene senza un accesso illimitato ai tuoi dati. Quanto possa essere vero non è molto chiaro.

Nonostante i tentativi di Google per aumentare la trasparenza delle sue operazioni, sembra che il suddetto colosso stesse condividendo segretamente i dati privati ​​degli utenti con inserzionisti di terze parti; questa rivelazione ha messo in discussione la fiducia del pubblico nella società, le cui linee intelligenti di Google Home e Google Nest dispongono di microfoni e telecamere in casa tua: il luogo più privato per antonomasia.

In questo articolo proveremo a mostrarti come accedere ai dati personali ​​che Google ha su di te, oltre a come eliminarne alcuni o tutti. Di conseguenza, ti aiuteremo a trovare il giusto equilibrio tra la tua privacy e i servizi Google su cui fai affidamento scegliendo le impostazioni che limitano l’accesso di Google alle tue informazioni senza compromettere la qualità della tua esperienza complessiva.

Ecco, di seguito, alcuni consigli pratici per risolvere la relazione indissolubile tra Google e i dati personali.

Google e dati personali: quali informazioni sono considerate “pubbliche”

È probabile che Google abbia in archivio il tuo nome, una foto del tuo viso, il tuo compleanno, altri indirizzi email che usi, la tua password e il tuo numero di telefono. Alcuni di questi sono elencati come informazioni pubbliche (non la tua password, ovviamente). Ecco come risalire ai contenuti che Google condivide di te col mondo:

  1. Apri una finestra del browser e vai alla pagina del tuo account Google.
  2. Digita il tuo nome utente Google (con o senza “@ gmail.com”).
  3. Dalla barra dei menu, selezionare Informazioni personali e rivedi le informazioni. Puoi modificare o eliminare foto, nome, data di nascita, sesso, password, altre e-mail e numero di telefono.
  4. Se desideri vedere quali informazioni sono disponibili pubblicamente, scorri verso il basso e seleziona Vai a Informazioni personali.
  5. È quindi possibile tornare indietro e apportare modifiche. Al momento non è possibile rendere privato il tuo account.
Photo Credits: Elysium Post

Google e dati personali: controlla quanto è registrato della tua attività online

Se vuoi vedere quanto Google sappia di te, segui questi passaggi per trovarlo, esaminarlo, eliminarlo o impostarlo per l’eliminazione automatica dopo un periodo di tempo.

Se il tuo obiettivo è quello di esercitare un maggiore controllo sui tuoi dati ma desideri comunque che i servizi Google come la ricerca e le mappe personalizzino i tuoi risultati, ti consigliamo di impostare i dati per la cancellazione automatica dopo tre mesi. Altrimenti, sentiti libero di eliminare tutti i tuoi dati personali e imposta Google affinché il monitoraggio venga interrotto. In questo caso, non sentirai molto la differenza.

  1. Accedi al tuo account Google e seleziona Dati e personalizzazione dalla barra di navigazione.
  2. Per visualizzare un elenco di tutte le attività registrate da Google, scorrere fino a Controlli attività e seleziona Attività web e app.
  3. Se desideri che Google interrompa il monitoraggio delle ricerche di immagini e web, della cronologia del browser, delle ricerche e delle indicazioni stradali e delle interazioni con l’Assistente Google, deseleziona entrambe le caselle. Altrimenti, vai al passaggio 4.
  4. Quindi, fai clic su Gestisci attività. Questa pagina mostra tutte le informazioni che Google ha raccolto su di te dalle attività menzionate nel passaggio precedente, fin dal giorno in cui hai creato il tuo account.
  5. Per impostare Google affinché elimini automaticamente questo tipo di dati ogni tre o ogni 18 mesi, seleziona Scegli per eliminare automaticamente e seleziona il periodo di tempo che più ti aggrada. Google eliminerà tutti i dati correnti precedenti al periodo specificato, ad esempio, se si sceglie tre mesi, tutte le informazioni più vecchie di tre mesi verranno immediatamente eliminate.
  6. Se preferisci eliminare manualmente parte della cronologia di tutte le attività, nella barra di navigazione scegli Elimina attività per e seleziona Ultima ora, Ultimo giorno, Sempre o Intervallo personalizzato.
  7. Dopo aver scelto un’impostazione di eliminazione automatica o selezionato manualmente i dati che si desidera eliminare, verrà visualizzato un popup che chiederà di confermare. Seleziona Elimina o Conferma.

Per assicurarti che le nuove impostazioni siano state accettate, torna a Gestisci attività (passaggio 4) e assicurati che qualunque cosa sia presente (se hai eliminato tutto non dovrebbe esserci nulla) risale solo ai tre o 18 mesi selezionati nel passaggio 5.

Photo Credits: wired

Google e dati personali: accedi alla cronologia dei tuoi spostamenti

Forse ancora più scoraggiante di Google che sa quali ricette hai cucinato, quale vacanza sembra stai pianificando o quanto spesso controlli i numeri del Superenalotto, la precisione di Google nell’identificare dove ti trovi può essere davvero inquietante. Solo il fatto che se si accede a Google Maps su un dispositivo mobile, gli occhi di Google stanno osservando ogni tua mossa è sufficiente per farti desiderare di lasciare il telefono a casa. Sotto il cuscino, magari. Per fortuna, non è necessario. Ecco come accedere, gestire ed eliminare i dati sulla posizione di Google:

  1. Accedi al tuo account Google e seleziona Dati e personalizzazione dalla barra di navigazione.
  2. Per visualizzare un elenco di tutti i dati sulla tua posizione registrati da Google, scorri fino a Controlli attività e seleziona Cronologia delle posizioni.
  3. Se desideri che Google interrompa il monitoraggio della tua posizione, disattiva l’interruttore su questa pagina.
  4. Quindi, fai clic su Gestisci attività. Questa pagina mostra tutte le informazioni sulla posizione che Google ha raccolto su di te come una sequenza temporale e una mappa, compresi i luoghi che hai visitato, il percorso che hai seguito e indietro, nonché la frequenza e le date delle visite.
  5. Per eliminare definitivamente tutta la cronologia delle posizioni, fare clic sull’icona del cestino e, quando richiesto, selezionare Elimina cronologia delle posizioni.
  6. Per impostare Google affinché elimini automaticamente questo tipo di dati ogni tre o ogni 18 mesi, seleziona l’icona a forma di ingranaggio e scegli Elimina automaticamente la cronologia delle posizioni, quindi seleziona il periodo di tempo che preferisci. Google eliminerà tutti i dati correnti più vecchi del periodo specificato. Ad esempio, se si sceglie tre mesi, tutte le informazioni di età superiore a tre mesi verranno eliminate immediatamente.

Per assicurarti che i dati sulla tua posizione siano davvero scomparsi, ricomincia da capo con Controlli attività nel passaggio 2, quindi dopo Gestisci attività nel passaggio 4, assicurati che la sequenza temporale nell’angolo in alto a sinistra sia vuota e sulla mappa non siano presenti punti che indichino le posizioni precedenti.

Google e dati personali: gestisci le tue ricerche su Youtube

Di tutti i dati personali che Google traccia, la tua ricerca su YouTube e la cronologia delle visualizzazioni sono probabilmente i più innocui. Non solo, consentire a Google di tracciare la tua cronologia di YouTube potrebbe avere il vantaggio più ovvio di tutti: aiuta YouTube a capire quale tipo di video ti piace in modo da poter fornire più contenuti che ti piaceranno.

Ecco come dare un’occhiata alla tua cronologia di YouTube e scopri come eliminarla manualmente o ad intervalli di tre o 18 mesi. Proprio come con Attività web e app, ti consigliamo di impostare YouTube per eliminare i tuoi dati ogni tre mesi.

  1. Accedi al tuo account Google e seleziona Dati e personalizzazione dalla barra di navigazione.
  2. Per visualizzare un elenco di tutti i dati sulla posizione registrati da Google, scorri fino a Controlli attività e seleziona Cronologia YouTube.
  3. Se desideri che Google interrompa il tracciamento della ricerca su YouTube e la visualizzazione completa della cronologia, disattiva l’interruttore su questa pagina.
  4. Quindi, fai clic su Gestisci attività. Qui è dove viene elencato l’elenco di ogni ricerca che hai mai fatto e di ogni video che hai visto.
  5. Per impostare Google affinché elimini automaticamente la data di YouTube ogni tre o ogni 18 mesi, selezionare Scegli per eliminare automaticamente e seleziona il periodo di tempo che preferisci.
  6. Per eliminare parte di tutta la cronologia delle attività, nella barra di navigazione seleziona Elimina attività per e selezionare Ultima ora, Ultimo giorno, Sempre o Intervallo personalizzato.
  7. Dopo aver scelto i dati da eliminare, verrà visualizzato un popup che chiederà di confermare. Seleziona Elimina.

Per assicurarti che i tuoi dati YouTube siano davvero scomparsi, ricomincia da capo con Controlli attività nel passaggio 2, quindi dopo Gestisci attività nel passaggio 4 assicurati che qualunque cosa sia presente (se li hai eliminati non dovrebbe esserci nulla) risale solo ai tre o 18 mesi che hai selezionato nel passaggio 5.

Google e dati personali: un’altra cosa fondamentale per la tua privacy

Fai attenzione, però: solo perché dici a Google di non tenere traccia delle tue attività online o offline non significa per forza che hai chiuso completamente l’accesso ai tuoi dati personali. Google ha chiaramente ammesso di poter tracciare la tua posizione fisica anche se disattivi i servizi di localizzazione utilizzando le informazioni raccolte dal Wi-Fi e altri segnali wireless nei pressi del tuo smartphone. Inoltre, proprio come Facebook è stato colpevole di aver fatto per anni, Google non ha nemmeno bisogno che tu abbia effettuato l’accesso per rintracciarti.

In realtà, talvolta ci sono contraddizioni piuttosto evidenti per quanto riguarda le dichiarazioni di Google in materia di privacy. Ad esempio, Google ha recentemente dichiarato di aver scansionato i messaggi Gmail per compilare un elenco degli acquisti effettuati, nonostante la dichiarazione pubblica in un comunicato stampa del 2018, “Per essere assolutamente chiaro: nessuno su Google legge il tuo Gmail, tranne in casi molto specifici in cui tu chiederci e dare il consenso, o laddove necessario per motivi di sicurezza, come indagare su un bug o un abuso “. Forse per “nessuno” Google intendeva “nessun essere umano”, ma in un’epoca di intelligenza artificiale sempre più potente, tale distinzione è praticamente discutibile.

Il punto è, in definitiva, che spetta a te proteggerti da pratiche invasive sui tuoi dati personali. Un senatore degli Stati Uniti ha proposto un disegno di legge che giudicherebbe i dirigenti di società tecnologiche come Mark Zuckerberg responsabili di violazioni della privacy. La California è già un passo avanti, avendo già approvato una legislazione che offre agli utenti un maggiore controllo sui propri dati privati. La legge è entrata in vigore il 1 ° gennaio 2020.

Ricorda di essere previdente quando si tratta di Google e dati personali, è fondamentale!

Leggi: Password: alcune regole per ricordare le tue credenziali d’accesso

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: