Problemi di comunicazione Google Home: come risolverli

Problemi di comunicazione. Si verificano più spesso di quanto potresti pensare. Sì, stiamo parlando del tuo altoparlante intelligente di Google Home. All’inizio, con Google Home potresti aver incontrato difficoltà, ma alla fine hai imparato a gestirlo (dopo molti, molti aggiornamenti delle funzionalità, come i comandi programmati, l’aggiunta di Apple Music, ecc). Ma questo non significa che di tanto in tanto non si verifichi un’interruzione di comunicazione. Ti possiamo dare alcuni consigli per aiutarti a risolvere il problema di comunicazione quando parli a Google Home.

Risolvere Problemi con Google Home

Problema Google Home

Ad esempio, se hai più di un dispositivo Google Home in casa, può succedere che il dispositivo con cui stai parlando ti ignora mentre uno diverso in un’altra stanza cerca di rispondere, giusto? È risolvibile. Si tratta di problema di comunicazione degli smart speaker che tutti riscontrano quando Google Home dice: “Mi dispiace, non capisco“.

La prossima volta che sei frustrato dal fatto che il tuo altoparlante intelligente non ti capisce e sei pronto a lanciarlo dalla finestra, prova una di queste cinque soluzioni per Google Home che di solito funzionano.

Problema di comunicazione con speaker sbagliato

Non è insolito che l’altoparlante di Google Home ti ignori anche ti trovi di fronte mentre un altro da qualche altra parte della casa cerca di eseguire i tuoi ordini. Questo è un problema quando, ad esempio, il comando è “accendi le luci”. Non restare all’oscuro, apri l’app Google Home e modifica l’impostazione chiamata “sensibilità”. Ecco come:

  1. Apri l’app Google Home e tocca l’icona del dispositivo per l’altoparlante che ti dà il problema (se è più di uno, ripeti semplicemente questo processo finché non hai fatto tutto correttamente).
  2. Tocca l’icona a forma di ingranaggio per le impostazioni nell’angolo in alto a destra, quindi scorri verso il basso fino a Funzionalità dispositivo e tocca Audio, quindi, nella parte inferiore della schermata, tocca Sensibilità “Ehi Google”.
  3. Ora, trascina il cursore verso l’alto per aumentare le probabilità che Google Home senta la tua voce e verso il basso per renderla meno probabile.

Quando Google Home dice “Non capisco”, prova questo

Quando Google Home dice “Mi dispiace, non capisco”, la buona notizia è che ti ha sentito. La cattiva notizia è, ovviamente, che non sa cosa fare in risposta a qualsiasi cosa tu abbia detto. C’è sempre una possibilità che Google Home semplicemente non abbia recepito il tuo comando, quindi faresti bene a ripeterti almeno una volta per sicurezza. Se non funziona, prova questi altri suggerimenti:

  1. Potresti dare un comando che Google Home non può eseguire. Controlla la repository di ogni comando che conosciamo che Google Home può eseguire.
  2. Se stai usando VoiceMatch (e dovresti farlo), il problema potrebbe essere un problema tecnico di quella funzione. Prova a rieffettuare la verifica della tua voce e prova poi a dare un comando vocale.
  3. Quando tutto il resto fallisce, prova l’opzione più estrema: un ripristino completo delle impostazioni di fabbrica.

Quando Google Home non conosce i nomi dei propri speaker

soluzioni google home

Anche se penseresti che l’unica cosa che Google Home avrebbe costantemente corretto sarebbe il proprio nome, in realtà è un problema abbastanza comune per il dispositivo di Big G fraintendere quando gli viene chiesto di cambiare qualcosa o fare qualcosa con un altoparlante in un’altra stanza . Come quando ascolti la musica, diciamo, e vuoi portare la tua musica dalla cucina al soggiorno.

Per la soluzione a questo particolare problema di Google Home, bisogna sempre guardare la repository. Il miglior suggerimento è quello di utilizzare solo lettere minuscole quando si nominano i tuoi altoparlanti di Google Home nell’app. Questa è una soluzione che abbiamo trovato in una lunga discussione su Reddit.

Il problema potrebbe sempre essere fisico

Questo può sembrare ovvio, ma se il tuo altoparlante è sporco, specialmente se è ostruito da sporcizia visibile, potrebbe essere più difficile per Google Home capirti. Prova a pulire gli altoparlanti in modo che i tuoi comandi non siano attutiti durante il tragitto verso il microfono del dispositivo.

Un’altra possibilità, tuttavia, è che non hai posizionato bene i tuoi altoparlanti Google Home. L’acustica è una scienza complicata: echi, smorzatori di suoni, strilli gioiosi dei bambini piccoli, possono interferire con il suono della tua voce. Prova a riposizionare gli altoparlanti più vicino o più lontano da dove normalmente parli e vedi se questo aiuta.

I nomi dei dispositivi dovrebbero essere tutti diversi, altrimenti ti stai cercando il problema

So che è difficile essere creativi quando si danno nomi a cose come prese intelligenti o lampadine che cambiano colore, ma se tutto nella tua casa intelligente si chiama “Lampada da soggiorno 1” o “Lampadina a colori Philips Hue 4”, il tuo assistente digitale potrebbe avere problemi a tenerne traccia.

Invece di semplici e noiosi numeri ordinali, nominare i dispositivi in base alle loro caratteristiche fisiche o ai punti di riferimento che li circondano può funzionare: “luci del divano”, “lampada piccola”, “luci bianche della credenza” e così via. Se vuoi diventare davvero creativo, puoi sempre dare loro nomi reali che non dimenticherai, come Andrea, Paolo o Antonio.

Inoltre, è diventato un po’ più facile evitare di menzionare i tuoi altoparlanti per nome, poiché Google Home ha migliorato i controlli multimediali dell’app. Assicurati di aver scaricato tutte le app necessarie per ottenere il massimo anche da Google Home.