Processore smartphone: i motivi per cui non devi sottovalutarlo

Quando pensi alla qualità che ami di più del tuo telefono, cosa ti viene in mente? Il suo schermo brillante, forse, che rende i film e i giochi una gioia per gli occhi. Tutte le fotocamere anteriori e posteriori che catturano i tuoi ricordi. Magari è la durata della batteria che ha un’autonomia tale da permetterti di godere appieno di tutte le funzionalità sopracitate. Sappi, però, che devi tutte queste caratteristiche indispensabili ad un chip grosso che è grande pressapoco quanto un’unghia: il processore del tuo smartphone.

Il processore, che assume le sembianze di un chipset, consente di aprire rapidamente le tue app, rende fluidi i tuoi giochi e nitide le tue foto. Senza il suo ausilio, non saresti in grado di archiviare in modo sicuro i dati della tua carta di credito (e un giorno la tua patente di guida digitale) o sbloccare il telefono con la tua faccia.

Se hai a cuore il tuo smartphone, è importante capire tutte le incombenze che copre il chipset al fine di alimentare le tue funzionalità preferite. Questi chipset includono il Qualcomm Snapdragon 865 e 765 (recentemente annunciato che eseguiranno telefoni Android nel 2020), A13 Bionic per iPhone di Apple, Exynos 990 di Samsung e 5G HiSilicon Kirin 990 di Huawei.

Processore smartphone: cosa controlla il chip del tuo telefono

Un chipset mobile contiene gruppi di processori in una singola unità. È molto simile alla scheda madre di un computer, ma in miniatura.

Ti ricordiamo che su Amazon puoi trovare tante offerte di tecnologia:

Smartphone, Fotocamere, Smart TV, Casa Smart, Portatili e Tablet e tanto altro.

Troverai un’area che ospita la CPU di elaborazione, una GPU per l’elaborazione della grafica, un processore AI e una casa per l’archiviazione sicura dei dati. C’è un ISP, un processore di segnali di immagine che gestisce fotografie e video e un’unità dedicata per il controllo vocale.

Potrebbe anche includere un hub di memoria, un modem per la connessione a Internet (che potrebbe anche vivere separatamente) e un’area che gestisce i numerosi sensori del telefono.

Ecco alcune funzionalità che vedrai sui telefoni 2020, grazie al chip:

  • Velocità di download 5G ultraveloci
  • Velocità di elaborazione fino al 25% più elevate
  • Durata maggiore della batteria
  • Supporto per fotocamere fino a 200 megapixel
  • Frequenza di aggiornamento dello schermo a 120Hz per scorrimento, animazioni e gameplay estremamente fluidi
  • Grafica molto più veloce per chiamate in conferenza su 5G e giochi in tempo reale
  • Elaborazione AI più veloce, che potrebbe essere utilizzata per gli assistenti vocali e la regolazione automatica delle scene della telecamera
  • Supporto Wi-Fi 6 per Internet più veloce.

Processore smartphone: solo perché è sul chipset, non significa che lo avrai sul cellulare

I produttori di telefoni spesso parlano della fotografia in condizioni di scarsa illuminazione, della ricarica rapida e di altre funzionalità come se le inventassero. E sicuramente marchi come OnePlus, Google e LG hanno tutti contribuito a personalizzare l’aspetto e le funzionalità di un dispositivo finito. È importante. Ma il più delle volte, questi marchi non hanno gettato le basi per poterlo fare, il merito è del processore.

Ad esempio, se il tuo chip non supporta Internet Wi-Fi 6 più veloce o una fotocamera da 200 megapixel, non c’è alcuna possibilità che il tuo telefono possa utilizzarne uno se la società non si mobilita a realizzare un processore separato.

Però, esiste un’altra contraddizione: anche se il chip supporta queste funzionalità, potresti non averle sul tuo smartphone. Perchè?

Aziende come Qualcomm, MediaTek, Intel e AMD vendono i loro chip (che non sono solo per i telefoni) a produttori di dispositivi di terze parti, che li usano come meglio credono. È il produttore del dispositivo che diventa responsabile per l’attivazione della funzione e per assicurarsi che tutto si combini nel prodotto finale.

Photo Credits: Webtrek

Processore smartphone: come funziona la concorrenza?

In generale, diversi produttori di processori tendono ad avere caratteristiche simili ai loro concorrenti, tra cui video super slow motion, supporto per la ricarica wireless e la fotografia in modalità ritratto.

Ci sono alcune notevoli eccezioni, come lo sblocco sicuro dei volti su iPhone X.

Ci sono anche alcuni marchi che producono chip o processori interni, come il processore Bionic A13 di Apple, che alimenta iPhone 11. Questo dà al marchio un vantaggio nello sviluppare le proprie funzionalità che altri telefoni non hanno.

Samsung e Huawei hanno anche un’attività di chip separata che vende parti al business della telefonia.

Processore smartphone: quanto è importante?

Potrebbe non interessarti se il tuo telefono ha l’ultimo processore oppure ne ha uno dello scorso anno, purché abbia tutte le funzionalità che desideri per il prezzo che sei disposto a pagare. E non vorresti un processore premium su un telefono economico come il Moto G7: surriscalderebbe la batteria e aumenterebbe il prezzo.

Ovvio è che se sul tuo smartphone è installato un processore recente, sarà logicamente più veloce su tutti i fronti e – molto probabilmente – l’autonomia della batteria sarà anche più duratura. Una serie di migliorie, insomma, che rendono un cellulare il più fluido possibile.

Se sei pronto per acquistare un nuovo smartphone, possiamo aiutarti a capire da dove iniziare. Ma prima di procedere, prenditi un momento per pensare al processore che rende tutto possibile.

Leggi: I migliori smartphone fino a 400 euro: scopri la nostra top list!

Cosa stanno cercando gli altri utenti: Smartphone - Fotocamere - Smart TV - Casa Smart - Portatili e Tablet
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: