Google Home: 5 modi per aiutarti a dormire

Se l’insonnia è una costante durante la notte, Google Home può provare ad ovviare a questo problema. Infatti, mentre il dispositivo è utile per programmare la giornata, può rivelarsi altrettanto prezioso per cercare di rilassarsi.

Ti basterà semplicemente pronunciare “Ehi, Google, non riesco a dormire”. A quel punto, Google Home risponderà con alcune soluzioni: suoni della natura, musica ambientale o playlist distensive per conciliarti il sonno.

Scopriamo i 5 modi attraverso i quali Google Home può aiutarti a dormire:

Google Home: “Ehi, Google, riproduci musica rilassante”

Google troverà una playlist di musica ambientale su YouTube Music, Google Play Music, Spotify, Pandora o Deezer se disponi di un account (in caso contrario, tutti gli altri servizi sono gratuiti). Se la playlist è di tuo gradimento, apri l’app per la musica e salvala. Puoi collegare i tuoi account multimediali quando imposti l’altoparlante o in qualsiasi momento utilizzando l’app Google Home.

Google Home: “Ehi, Google, riproduci un podcast”

Scegliere di ascoltare un podcast potrebbe essere uno dei metodi più vincenti per abbandonarsi al sonno. Certo, se chiedi a Google di riprodurre un podcast, ne sceglierai alcuni a caso, che potrebbero non interessarti. Però, a seconda delle tue preferenze, puoi specificare cosa vuoi ascoltare.

Non puoi ancora impostare un timer di spegnimento vocale, ma tocca l’icona della luna dopo aver iniziato un episodio. Puoi scegliere di interrompere il podcast dopo 5 minuti, 105 minuti o alla fine dell’episodio. L’app dispone di una serie numerosa di podcast che perseguono l’intento di farti addormentare, come gli internazionali Bedtime Stories for Nobody, the Sleep Meditation Podcast, One Third of Life, Tracks to Relax and Sleep Whisper.

Google Home: “Ehi, Google, riproduci i suoni rilassanti della natura”

Puoi effettuare la richiesta alcune volte fino a quando non trovi il suono che ti piace. Tra le opzioni disponibili si annoverano: la pioggia, un ruscello gorgogliante, grilli e il cinguettio degli uccelli. Fai attenzione ai rumori dell’acqua di notte, a meno che tu non voglia fare anche una pausa bagno! Google Home può inoltre riprodurre una playlist di suoni naturali dalle tue app musicali collegate.

Google Home: “Ehi, Google, raccontami una favola della buonanotte”

Se invece è il tuo bambino che palesa qualche difficoltà ad abbandonarsi a Morfeo, prova l’opzione storia della buonanotte di Google Home. Le storie sono incentrate sui bambini, ma potrebbero fornire un po ‘di rumore di sottofondo per i fanciulli di ogni età. Google seleziona racconti da Google Play Libri e Storynory. Puoi ordinare da 3 a 10 minuti di fiabe, storie bizzarre o cortometraggi su personaggi televisivi famosi come Dora l’esploratrice.

Google Home: “Ehi, Google, cantami una ninna nanna”

Un’altra opzione per aiutare i bambini a prepararsi per andare a letto è chiedere a Google di riprodurre una ninna nanna. Troverai classici come Twinkle, Twinkle Little Star, una German Cradle Song e Rock-a-bye Baby con un finale rielaborato (meno impetuoso).

E tu? Hai già provato a usufruire dei 5 modi per aiutarti a dormire di Google Home?

Leggi: Amazon Echo: 7 cose che puoi fare rispetto a Google Home

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: