Samsung Galaxy Buds Plus: la recensione

I Samsung Galaxy Buds Plus sono la naturale evoluzione delle cuffie true wireless di casa Samsung, arrivando finalmente a poter competere con le grandi del settore, come per esempio le AirPods.

Un vero e proprio restyling, lanciato insieme ai nuovi smartphone Galaxy S20 e Galaxy Z Flip dell’azienda.

I nuovi Samsung Galaxy Buds Plus sembrano sostanzialmente gli stessi degli originali, ma presentano alcuni miglioramenti interni che aumentano in modo significativo le prestazioni: la loro durata della batteria è valutata a 11 ore per la riproduzione di musica (rispetto a sei) e contengono driver avanzati, per un suono migliore e un microfono aggiuntivo in ogni pod per aiutare a ridurre il rumore esterno durante le chiamate.

samsung galaxy buds Plus

Samsung Galaxy Buds Plus: novità e prezzi

A $ 150, costano $ 20 in più rispetto ai Galaxy Buds.

Purtroppo però, pur avendo lo stesso design di isolamento del rumore, non offrono la cancellazione attiva del rumore come fanno gli AirPods Pro di Apple.

Disponibile in tre opzioni di colore, nero, azzurro e bianco, i Samsung Galaxy Buds Plus hanno le stesse dimensioni dei loro predecessori e sembrano quasi identici.

Tuttavia, pesano 6,3 grammi, 0,7 grammi in più rispetto ai pods precedenti.

Questo perché hanno una batteria più grande e driver a due vie, con un woofer e un tweeter.

La custodia, che si carica tramite USB-C e in modalità wireless con qualsiasi pad di ricarica compatibile con Qi, è inoltre dotata di una batteria più grande: una ricarica di tre minuti nella custodia ti dà un’ora autonomia.

E sì, tutti questi nuovi telefoni Samsung hanno la funzione Wireless PowerShare, quindi puoi ricaricare i tuoi Samsung Galaxy Buds Plus semplicemente appoggiando la custodia sul retro del telefono.

Le altre modifiche degne di nota sono l’accoppiamento multidispositivo – una caratteristica spesso trascurata che molte persone apprezzano – e un’app iOS progettata per rendere i Samsung Galaxy Buds Plus più accattivanti per i proprietari di iPhone.

Al lancio, l’app ha ottenuto molte recensioni negative dagli attuali proprietari di Galaxy Buds perché non sembra essere compatibile con i Galaxy Buds originali.

L’app offre agli utenti iOS l’accesso agli aggiornamenti del firmware, alle impostazioni EQ per l’ottimizzazione del suono degli auricolari e le impostazioni di “suono ambientale” che consentono di regolare i loro livelli di trasparenza(spento, medio o alto), lasciando entrare il suono dal mondo esterno.

Nell’app, puoi anche scegliere di attivare l’audio ambientale durante le chiamate.

Ciò ti consente di ascoltare la tua voce negli auricolari mentre parli. (Questo è talvolta indicato come Sidetone.)

Gli utenti Android utilizzano l’app Galaxy Wearable di Samsung e ottengono alcune piccole funzionalità non disponibili per gli utenti iOS, le più grandi delle quali sono l’accesso Spotify one-touch dai pods stessi e una modalità di gioco per “ridurre al minimo il ritardo audio per un suono di gioco vivido e sincronizzato”.

Samsung Galaxy Bud Plus: controlli e funzionalità

I Samsung Galaxy Buds Plus mantengono gli stessi controlli touch dei Buds originali.

Funzionano bene e sono abbastanza reattivi.

Nell’app sono disponibili alcune opzioni per personalizzare i controlli touch, inclusa la regolazione del volume con una pressione prolungata.

C’è anche un’impostazione “sperimentale” che ti consente di usare il bordo degli auricolari per il volume e il centro per altri controlli.

I Galaxy Buds si adattano generalmente bene alle orecchie, e i Samsung Galaxy Buds Plus sono molto simili.

Si tratta di pods piuttosto compatti e dovrebbero adattarsi bene alla maggior parte delle orecchie.

La qualità del suono poi, è notevole: dettagliato e fluido, con bassi profondi e ben definiti, e sicuramente superiore a quello dei Galaxy Buds originali.

Insieme alla durata superiore della batteria, è migliorata notevolmente anche la qualità delle chiamate.

Il microfono esterno aggiunto per una migliore riduzione del rumore durante le chiamate aiuta a correggere il più grande punto debole degli auricolari.

I Samsung Galaxy Buds Plus potrebbero non funzionare altrettanto bene rispetto agli AirPods Pro o Anker Liberty Air 2 per effettuare chiamate, ma sono notevolmente migliorati dai Galaxy Buds originali.

In definitiva, i Galaxy Buds Plus noni rallenteranno le vendite di AirPods, ma sono diventati solo un’opzione migliore per gli utenti Android e potrebbero persino guadagnare alcuni fan che utilizzano i dispositivi iOS.

Fonte foto: amazon.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: