Google Assistant: annunciate 6 nuove funzionalità

Google Assistant ha aggiunto sei nuove azioni, introdotte al CES 2020, che potrai utilizzare sulla tua Home page o sul tuo telefono Google. Diamo una spulciata a questa ventata di innovazione!

Durante l’ultimo CES, Google ha utilizzato il suo straordinario stand (completo di diapositive e un tour sorprendente) per annunciare le nuove funzionalità di Google Assistant che potrai utilizzare sul tuo telefono e sul dispositivo Google Home o Nest Home. L’obiettivo di Google è piuttosto evidente: diventare l’unica piattaforma per governare la tua casa, usando Google Assistant per legare il tuo hardware all’immenso database di ricerca e servizi di Google.

Le nuove funzionalità di Google e l’enfasi sulla privacy fanno parte di una mossa calcolata nella battaglia accesa contro Amazon per monopolizzare il mercato dei dispositivi Smart Home. Google Assistant ha 500 milioni di utenti mensili e utilizza oltre un miliardo di dispositivi. L’assistente Alexa di Amazon è installato su “centinaia di milioni” di dispositivi, ha detto Amazon questa settimana, raddoppiando in un anno i suoi numeri.

I nuovi strumenti di Assistant includono azioni di pianificazione, note adesive digitali e uno strumento per la privacy che consente a Google Home o ad altri dispositivi smart abilitati per Google Assistant di ignorare ciò che hai detto. Ecco le sei nuove funzionalità annunciate da Google che arriveranno entro la fine dell’anno e come potrai utilizzarle.

Google Assistant: collega i dispositivi Google tramite l’app

Google sta cercando di semplificare il collegamento del tuo account a un dispositivo Smart Home non realizzato da Google, ad esempio le lampadine C intelligenti o il termostato intelligente Ecobee. Questo è un vantaggio per la configurazione di nuovi dispositivi.

Ora, quando configuri un nuovo dispositivo con l’app del produttore, Google invierà una notifica sul tuo telefono che puoi selezionare per aggiungere automaticamente le tue informazioni.

Google Assistant: pianifica le azioni

Se hai dispositivi a casa compatibili con Google Assistant, ad esempio un forno a microonde, una TV o una presa intelligente ($ 25 su Amazon), puoi utilizzare una nuova funzione chiamata Azioni pianificate per controllarlo.

Sarai in grado di dire cose come:

Ehi, Google, avvia la caffettiera alle 6 del mattino.
Ehi, Google, spegni la TV alle 21:00.
Ehi, Google, accendi l’aspirapolvere robot alle 15:00.

Questa funzione uscirà ufficialmente quest’anno e sarà fruibile per oltre 20 dispositivi.

Google Assistant: crea i post-it digitali

Chiamata Household Notes, questa prossima funzione ripropone Post-It Notes per un Display Intelligente.

Ti basterà dire: “OK, Google, lascia una nota. Ho già dato da mangiare al gatto” per creare la nota adesiva. Il nuovo strumento verrà implementato nei prossimi mesi.

Google Assistant: usa la voce Household Contacts

Un’altra caratteristica condivisa per l’intera famiglia è la funzionalità rapida chiamata Household Contacts. Avrai bisogno di un display Intelligente per usarla.

Il membro della famiglia con l’account principale (quello che configura il dispositivo) può creare un elenco di numeri di telefono, come la babysitter, la nonna o il tuo ristorante preferito da asporto. In questo modo, chiunque può effettuare una chiamata senza dover prima cercare il numero di telefono.

L’elenco dei contatti può essere aggiunto durante la configurazione del dispositivo o dall’app Assistente Google sul telefono. Per usarlo, dirai “Ehi, Google, chiama la nonna” o toccando il nome del contatto dall’elenco dei contatti.

Google Assistant: fai leggere a GA storie ed e-mail

Google Assistant può già leggere, ad esempio, audiolibri ed e-mail. Ora Google lo sta espandendo per leggere ad alta voce articoli più lunghi.

Dirai semplicemente “Ehi, Google, leggi questa pagina” per iniziare l’Assistente. La pagina scorre anche con te in modo da non perdere il posto. Puoi tradurlo in 42 lingue. Sarà disponibile nei prossimi due mesi.

Google Assistant: usa i due nuovi controlli sulla privacy

Esistono due nuovi strumenti relativi alla privacy da utilizzare con Google Assistant. Se ritieni di aver attivato accidentalmente Google Assistant, puoi dire “Ehi, Google, non era per te” per fargli ignorare qualsiasi cosa tu abbia detto.

A Google piace usare Google Assistant per comunicare ciò che sta facendo in termini di privacy. Potrai anche chiedere “Ehi, Google, stai salvando i miei dati audio?” Google Assistant ti parlerà dei controlli sulla privacy e aprirà la schermata delle impostazioni sull’app del telefono per rivedere le tue preferenze.

Soddisfatto o indifferente?

Leggi: Amazon Echo: ecco come configurarlo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: