Windows 10 vs Windows 10 S: qual è la differenza?

Ultimamente potresti sentire molte discussioni sul sistema operativo Microsoft Windows 10, dal momento che il colosso della tecnologia ha recentemente terminato il supporto per il suo predecessore Windows 7 e sta incoraggiando gli utenti ad aggiornare i loro dispositivi. Ma Windows 10 non è l’unica versione del sistema operativo in circolazione: esiste anche Windows 10 S, rivolto a studenti e piccole imprese. Scopri tutti i dettagli.

Sebbene entrambi i sistemi operativi abbiano – per ovvie ragioni – la stessa base di partenza, esistono alcune differenze chiave tra Windows 10 e Windows 10 S. Ecco cosa devi sapere.

Windows 10 vs Windows S: cos’è Windows 10

Windows 10 è l’ultima versione del sistema operativo Microsoft, rilasciata per la prima volta nel 2015. Quando è uscito, un dipendente Microsoft l’ha definita “l’ultima versione di Windows”. Ciò non significa che Microsoft si sbarazzerà del sistema operativo, ma che Windows funzionerà più come servizio, con aggiornamenti continui invece di assumere le sembianze di un enorme aggiornamento.

Microsoft rilascia importanti aggiornamenti sulle sue funzionalità due volte all’anno, in genere a marzo e a settembre, e Microsoft consiglia di installarli non appena sono disponibili. L’ultimo è stato nel novembre del 2019. Tuttavia, con l’invecchiamento dell’hardware, alcuni dispositivi potrebbero non essere più in grado di ricevere aggiornamenti nel corso del tempo.

Windows 10 include diverse nuove funzionalità, inclusa l’integrazione dell’assistente digitale Cortana di Microsoft. In più, dispone di una serie di nuovi strumenti di sicurezza: Windows Defender Antivirus protegge da malware e spyware su e-mail, app, cloud e Web, mentre Windows Hello offre un’opzione di accesso senza password per sbloccare i dispositivi con il viso o con l’impronta digitale.

Mentre alcune persone si rivelarono inizialmente riluttanti ad effettuare il passaggio, a causa di segnalazioni di numerosi bug nelle versioni precedenti di Windows 10, Microsoft ha apportato diverse modifiche al suo approccio all’aggiornamento, a partire dalla versione di maggio 2019. Tra le novità si annoverano maggiori opzioni per mettere in pausa aggiornamenti e un’ulteriore divulgazione di problemi noti; l’obiettivo è rendere l’esperienza dell’utente più fluida possibile.

Windows 10 vs Windows S: cos’è Windows 10 S

Windows 10 S, annunciato nel 2017, è una versione “walled garden” di Windows 10: offre un’esperienza più rapida e sicura consentendo agli utenti di installare software dall’app store ufficiale di Windows e richiedendo l’uso di Microsoft Edge browser. A volte indicato come “Windows 10 in modalità S”, Windows 10 S è installato su laptop a basso costo destinati a scuole e studenti, incluso il laptop Microsoft Surface.

Il sistema operativo ridotto riduce, a sua volta, gli sforzi di Microsoft per competere contro Google Chromebook e Apple iPad. Le macchine che eseguono Windows 10 S sono più facili da configurare e gestire per gli amministratori, secondo Microsoft, il che può anche essere utile per i proprietari di piccole imprese.

Se lo desideri, puoi eseguire l’aggiornamento da Windows 10 S a Windows 10 Pro per ottenere un’esperienza completa di Windows 10. Tuttavia, tornare indietro in seguito è più complicato.

Leggi: Windows 10: l’aggiornamento per Windows 7 è finito, ecco quello che devi sapere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: